mercoledì 1 febbraio 2012

Dice che neviga

Dice che ariva el nevò... dice che ce foga fino a 'st'altra setimana... dice che farà un fredo che ce ghiacia pure i peli del naso... oh, ma speriamo che dice male!
Ve ricurdè l'anu scorso, che ha nevigato prima de Natale? Ha durato 'na setimana bòna... adè dice che duvrìa durà 'na decina de giorni, el gelo siberiano. Ma nun pole rimanè a casa sua? Nun vojo miga diventà Pingu!
Poi, ve farò sapè se neviga per davero, ve facio 'n'apdeite... e 'na madona quanto sò diventata guzza oh. Perché duvrìa cumincià proprio ogi a nevigà... ma sapè cusa ve digo? Primo, che se neviga digo al capo che non vado a fadigà manco morta 'mazata, e segondo... che speriamo che 'sti meteurologi nun ce pijane e che ce volene solo fà murì d'un colpo prima ancora che de fredo!


PS: e a pruposito de Pingu, ve linko 'sto filmetto, cuscì ve fè du risate e ve scaldè un tantinì. Se ve piace, ce n'enne tanti: andevveli a cercà da per vujaltri, che a me, me se stà a gelà i diti de le mà.






Apdeite del dò febraro: ve'l fago? ve'l digo? ecco... neviga. Ha cuminciato intorno ale 9, alla chetichela, senza dà 'nte l'ochiu... sta a tacà come i sputi però... semo 'nte i guai per davero.


Apdeite del tre febraro: semo 'rivati a guasi 20 cm de neve! e stanote dice che ce sarà il pegio... ma pegio de cuscì se mòre! vabbè, se non sò fògata prima, ve fago sapè come sarà andata domà.


Apdeite del quatro febraro: c'ha fogato! più de 30 cm, guasi 40, bufere de neve a rotta de collo, mì marito spala ma el vialeto se riempe in t'un atimo... vado a pijà la maschera!


Apdeite del'oto febraro: ormai semo tornati a fadigà, le scòle ricominciane domani, le strade enne libere, a casa mia pare de stà ancora al polo nord ma più o meno semo 'nte la normalità. 
Sarane cascati 50 se non 60 cm de neve, ala fine. Cuscì tanta nun me la ricordavo manco 'ntel'85, quando semo stati a casa un saco de giorni, ve ricordè quaranteni?
Adè aspetamo la perturbaziò de sabato... dice che arineviga.


Apdeite del dieci febraro: cum'è che avevane detu? che rinevigava? Eco, c'hanne chiappato. Ha ricuminciato con tuti i santi crismi verso l'una ma ha cuminciato a tacà verso le 4, cuscì avemo fato in tempo a venì tuti a casa. Enne le sete e meze, e già c'è 15 cm de neve! Ce rifòga, gente, metemoce il core in pace.


Apdeite del'undici de febraro: e gnente, c'ha iluso c'un tantinì de sole stamatina (e più de venti centimetri per tera). Pareva che se squajava. E invece ha ricuminciato stasera ale 9. Nò 'na nevigata cuscì tanto per dì, ma 'na bufera, 'na tempesta, 'na roba che queli del tempo chiamane 'tempurale de neve', che càpita de rado, cui lampi, i tòni, cu la neve che ne buta giù un bel po'. Oh, che pezzo de furtuna, è capitata propio a nialtri! Ce agiornamo a domà, se non sò fogàta prima.