giovedì 17 marzo 2011

Ene passati 150 ani

Per festeggià
i 150 ani d'unità
vojo decantà
dò rime in ancunetà.

Pò sembrà un contrusenzo
ma se propio bè ce penzo
i dialeti de ogni regiò
fanne la lingua dela naziò.

El fago tanto per non scordà
st'importante ricurenza,
non perché ve vojo insegnà
cum'è 'rivata l'indipendenza.

Però ricurdamoce de Mazini,
de Garibaldi e i garibaldini,
delle guere, dei Savoia,
de Cavure, dela storia:

inculcamo 'ntei cerveli
dei nostri fioli beli
il senzo de la patria
dal Trentì a Regiu Calabria*,

de l'uguajanza, del rispeto,
finché stamo soto 'sto teto,
pè le leggi e la costituziò
che ha da valè per tuti, no?

Nun dè reta a chi ve dice
che l'Italia s'ha da divide,
queli dane aria alla boca
e 'ste strunzate sentì ce toca.

Sbandieramo el triculore
con orgojo, con amore
'nte i stadi e non soltanto
mentre intonamo el canto:

Frateeeliii d'Italiaaaa
l'Italiaaa s'è destaaa...
e per st'ano, gente mia,
godemoce 'sta festa.


* spero me capiré che, se non ho citato le isule che stanne pure più a sud, è perché nun me veniva bè la rima!