venerdì 18 ottobre 2013

Le perle del Conero: Mezzavalle

Me prendo una pausa dopo 'sta sfilza de cactus, per parlavve del mare mio, la Riviera del Conero.
Cun l'ocasiò inauguro 'na rubriga nova che parlerà solo dei posti de casa mia: Le mie Marche. Sciapo, lo so, se me viene un titolo mejo lo gambio. E per l'ocasiò ve scrivo pure in ancunetà, tiè!

El Conero è un posto unico, un altro del genere nun el truvi in tutto l'Adriatigo se non in Puglia... e lascè perde Rimini o Milano Maritima, nun c'hanne niente a che vedè col mare nostro!
Per comodità (de parchegio, de orari, de posto) de solito vado al mare da 'n'antra parte, a Numana o a Marcelli, ma ogni volta che torno a Sirolo o a Portunovo m'incanto... enne dò perle incastonate 'ntel monte (so poetiga, eh?).
Oggi ve vojo parlà de Mezavale.

Un giorno che mi marito era in ferie e io in cassa integraziò (nun cummentè che è mejo), ho voluto portà i fjoli a Mezavale, che nun c'erane mai stati: è 'nte la baia de Portunovu, la più chic dela riviera, ma sta un po' più in là, 'ndu c'è meno casì, meno umbreloni, più selvagia, meno mundana inzoma, e sopratuto, non hai da stà coi sciugamà tutti taccati cun chi nun cunosci. 
Erane almeno 15 ani che nun c'andami, da quando ene nati i fjoli pè intendese, perché per andacce ce devi avè la barca opure tanta voja de caminà. Infati nun è 'na spiagia comoda, ce'l zò, ma è una delle baie più bele de l'Adriatigo, e ce s'ariva da dò stradeli, uno più corto e ripido, l'altro più longo e cun le curve. Volevamo pjà il primo, ma visto che se duveva parchegià uno sopra l'altro per quanta gente c'era ancora se era martedì (ma nun fadiga nisciuno?), semo andati a parchegià vicino a quello longo, quelo che in pratica, quando erimi più giovani, facemi sempre.
Percuremo lo stradelo in mezo ala machia mediteranea, pieno de fiori, de piante, ancora de bestie, certo, ma è talmente batuto che ormai pure le bestie vanne da 'n'altra parte. Scendemo pian piano tutti atenti a 'ndò mette i piedi, e ce se apre 'sto panorama: da 'na parte, Portunovo...




... da quel'altra, el Trave




Arivamo finalmente da piedi, 'nte la spiagia: me la ricordavo un pelo diversa, devo esse sincera, me pareva che al tempo c'erane meno matoni e più renella, ma pogo male, l'importante è che non c'è casì. Purtropo quel giorno il mare era un po' mosso, l'acqua nun era limpida cume doveva da esse... e già i fjoli cuminciane a discore. Ma nun ve pare 'na spiagia tropicale?



C'è poga gente per fortuna, in compenzo c'è il nudista da strapazo che forse ha sbajato strada, perché i nudisti de solito se metene un poghetto più giù, verso el Trave, ma lì la spiagia è stata magnata dal mare, in efeti...
Ce sistemamo coj ombreloni e andamo a fà il bagno. E i fjoli discorene che drento a l'acqua c'enne i sassi che fanne male ai piedi. Vojo dì, c'è la renella e ogni tanto qualche saseto, ma perché c'avè sempre voja de discore? 



Anche se c'è le onde, se sta da dio, acqua e sole, tranquilità e silenzio, cusa voj de più?
Ariva el clasico anconetano coi moscioli apena pescati, 'na sacchettata sola perché nun se ne pò pjà de più, se mete a capalli in riva al mare insieme a qualche amica sua con le poce de fori che je bala mentre li puliscene col cortello, e dopo un po' se li vanne pure a magnà 'ntel capanno lì de dietro nascosto tra i cespugli. Pure questo è Mezavale!
Quand'è intorno alle 5, 5 e meze cominciamo a preparacce perché lì il sole tramonta dietro il monte e sparisce presto, ala fine dela giurnata i fjoli cominciane a dì: nun ce venimo più, fa schifo, me fane dòle i piedi... e ce credo, hane giugato tutto el tempo cun la palina drenta a l'acqua e i sassi je hanne tajato le piante dei piedi... e giughè de meno no?
Li averto che nun è finita: c'è da fà la scarpinata del ritorno, d'in sù stavolta. Dopo una ventina de minuti, 'rivamo in cima, sudati fraidi, ma tuto somato pensavo pegio, nun è stata tuta 'sta fadigata.



I panorami ene stupendi, almeno per me, camini, te guardi intorno, arivi in cima e te se apre il còre, te senti sudisfatu...













... ma inzoma, penzavo de fà una roba carina pe j fjoli, de faje vedè 'na roba nova, li volevo fa contenti, e invece me n'hanne dete de tuti i culori! Ma và a fà del bè!


PS: Se qualcuno c'ha bisogno de la traduziò, me 'l dighi pure.