mercoledì 12 gennaio 2011

Se se pole chiamà puesia...

Una dele puesie dedigate a quele amighe mie che se stavane per sposà, e che je leggevo durante j addii al nubilato... Enne puesie guliardiche, fatte per ride ma anche per piagne... eru giovane e nun c'avevo un cactus da fà!
Questa nun è la prima che ho cumposto (che parulò) 'ntè la vita mia, ce n'era 'n'antra ma nun me la ritrovo più... per ritruvalla me toccherà strabaltà mezza casa!
Notè che era pure coredata de gadget finale... 'na scicherìa! (ve sembra troppo sconcio? ma noooo, era un scherzetto)
Vulè la traduziò? ve la dago solo su richiesta! sfurzevve un po', dai, che se capisce!



A PAOLA CHE SE SPOSA

M'è arivata 'nte 'na rechia
che c'è Paola che sposa:
nun se pole dì che è vechia,
ma nun è manco una rosa.

A stu passo c'è 'rivata
dopo 8 ani, cuscì me pare,
che cò Ivà s'è fidanzata,
che ce fa, inzoma, l'amore.

Scì, che pò me l'aricordo,
tuti e dò lì a Portunovo:
lù faceva il cascamorto,
lia fra pogo facea l'ovo.

Perché a lia già je piaceva
da parecchio, e su a Peschiera:
"Vojo andà con lù” - diceva
e 'nte j ochi je se legeva.

Dopo tuti sti ani insieme,
lù è riuscito 'nte l'impresa
che a ogni omo je conviene,
lia invece se l'è presa
'nte 'l dedietro, come aviene
pe ogni donna che se sposa:
s'ha da fà un mazzo cuscì,
nun ce pò avè il mal de testa,
e se ce scappa pure un fiolì...
... eh, lì vedrai che festa.

Ma nun vojo dì più gnente
per non mettete paura;
vojo ditte solamente:
“Io te auguro che dura,
ma se nun dura ed è poghine...
... pìjate qui ste pitturine!”